Febbraio 5, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Accusato di stupro, Trump confonde in una foto la sua presunta vittima e la sua ex moglie

Il signor Trump, 76 anni, dovrebbe comparire il 10 aprile 2023 in un tribunale di New York in una causa per diffamazione intentata da E. Jean Carroll, 79 anni, che lo accusa di averla violentata in uno spogliatoio di un dipartimento di New York. Memorizzato nel 1995 o 1996.

La signora Carroll, ex editorialista della rivista Elle, ha intentato una doppia causa civile per diffamazione e presunto stupro contro Donald Trump, 76 anni, uomo d’affari miliardario e presidente repubblicano nel 2017, davanti alla giustizia federale a Manhattan dal 2019, e poi dal 2022 al 2021 .

I due hanno reso le loro testimonianze giurate lo scorso ottobre.

Durante la sua testimonianza del 19 ottobre tramite collegamento video – che è stata resa pubblica questa settimana – Donald Trump ha ribadito la sua linea di difesa: “Lo dirò con il massimo rispetto: primo, non è il mio tipo. E poi non è mai successo”.

Ma quando gli è stata mostrata una foto con Carol a un ricevimento negli anni ’90, ha risposto: “Questa è Marla, questa è mia moglie”, prima che il suo avvocato, Alina Heba, lo correggesse.

Donald Trump è stato sposato dal 1993 al 1999 con l’attrice Marla Maples, 59 anni, e ha incontrato la sua attuale moglie, Melania, nel 1998.

In un caso per diffamazione, E. Jean Carroll ha citato in giudizio Trump nel novembre 2019. Lo ha accusato di averla diffamata perché nel giugno di quell’anno ha definito le sue accuse di stupro una “menzogna totale”.

L’inquilino della Casa Bianca all’epoca ha sempre risposto che la signora Carroll “non era il suo tipo” e i suoi avvocati hanno affermato che era protetto, nel 2019, dalla sua immunità come capo di stato.

READ  No all'indipendenza in Nuova Caledonia: e adesso?

Per quanto riguarda le accuse di stupro, la signora Carroll non ha potuto sporgere denuncia nel 2019 da quando sono stati accertati i presunti fatti.

Tuttavia, il 24 novembre 2022 è entrata in vigore una legge dello Stato di New York (l'”Adult Survivors Act”), che consente alle vittime di violenza sessuale, per un anno, di riavviare i loro procedimenti legali civili.

Così la signora Carroll ha sporto denuncia a novembre a New York per “diffamazione” ma anche “aggressione” e “aggressione” e ha chiesto un processo civile per danni, che è previsto per il 10 aprile.