Luglio 6, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Abbiamo visto i primi due episodi di Obi-Wan Kenobi: ecco la nostra recensione

Portare la modernità senza tradire l’universo inventato da George Lucas, questa è la sfida che devono affrontare tutti i designer della nuova serie. Guerre stellari. per alzarlo Obi-Wan KenobiAlla fine, paradossalmente, la regista Deborah Chow ha scelto… il cinema.

È abbastanza chiaro fin dall’inizio: per quattro minuti, l’introduzione spiega il passato e il complesso rapporto del Maestro Jedi con Anakin Skywalker utilizzando solo le immagini dei primi tre episodi (La minaccia fantasma, l’attacco dei cloni e la vendetta dei Sith). Dopodiché, solo un piccolo flashback coprirà la produzione destinata al grande schermo. Ma la logica rimane la logica di un lungometraggio.

Il tempo Jedi è scaduto

lì dove Il Mandaloriano Si permette di innovare ad ogni episodio, concepito come un’avventura a sé stante su argomenti diversi come western o thriller, basato sulle prime due parti attualmente disponibili su Disney+, possiamo già dire che le sei parti diObi-Wan Kenobi È organizzato come una grande epopea tagliata in sei pezzi. Con un effetto molto forte in termini di percussioni. Deborah Chow si prende del tempo per impostare la scena e rivelare cosa è diventato l’eroe dopo dieci anni La vendetta dei Sith. In effetti, un semplice macellaio, appartato come un eremita serale nel deserto, aveva seppellito la sua spada laser da qualche parte in mezzo alle dune di sabbia e non aveva mai più raccolto le forze. Per lui, “La lotta è finita, abbiamo perso e il tempo di Jedi è finito”. Il suo ultimo compito è non notarlo il più possibile, guardare il giovane Luke Skywalker da lontano in modo che possa allenarlo quando sarà il momento giusto. Per il resto si arrese, distrutto. Ma una chiamata che sembra provenire da un lontano passato lo costringerà a tornare al servizio contro la sua volontà. E soprattutto a proprio rischio e pericolo: tra i temibili investigatori che lo inseguono senza pietà, la Terza Sorella è pronta a tutto pur di fermarlo e ostentare agli occhi di Darth Vader.

READ  20 anni dopo il primo film di Harry Potter, il regista consegna i suoi ricordi delle riprese

un po’ di lavoro

molto Il Mandaloriano Inizia il lavoro, in quanto occupa solo un posto molto secondario nella prima parte, che a volte piuttosto evoca Lorenzo d’Arabia. Dopo di che, le cose sono leggermente cambiate, soprattutto con ambientazioni più in stile giapponese per Planet Daiyu, ma è chiaro che il regista è soprattutto al culmine con l’obiettivo di incontri futuri.

Pertanto, i fan rischiano di perdere l’equilibrio più di una volta. Anche se i riferimenti abbondano, se alcuni personaggi ritornano (Bail Organa ancora interpretato da Jimmy Smits, zio Owen, il giovane Luke) e se altri offrono una sorpresa (come la giovane, maleducata, intelligentissima Leia), i robot non sono più con il fumetto spostamento, suggeriscono alcune sequenze infantili, molto poco e tutto non lascia spazio a grandi voli spaziali.

Più oscuri, più grintosi, più psicologici e sovversivi dei soliti standard della saga, i primi due episodi non abbagliano tanto quanto Il Mandaloriano. Ma giudica la serie Obi-Wan Kenobi Solo su di lei sarebbe ingiusto: erano raggruppati in sei volumi. Quindi dovremo aspettare la fine per vedere se quella prima impressione dolce e mista sarà confermata.