Febbraio 8, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

A Planet Racing to Doom offre uno sguardo possibile alla fine della Terra

La Terra può inesorabilmente avvicinarsi al Sole sotto l’influenza dell’attrazione gravitazionale della stella.

Gli astronomi hanno rilevato per la prima volta un pianeta lontano pericolosamente vicino alla sua stella che invecchia, secondo uno studio pubblicato lunedì, che dà un’idea di come potrebbe finire la Terra. Situato a 2.600 anni luce dalla Terra, Kepler-1658b è un esopianeta, cioè un pianeta al di fuori del sistema solare, delle dimensioni di Giove.

Ma a differenza di questo gigante gassoso più lontano dal sole, Kepler-1658b orbita attorno alla sua stella solo un ottavo della distanza che separa la nostra stella da Mercurio, il pianeta più vicino. questo è “Giove caldoOrbita attorno alla sua stella in meno di tre giorni, e quel periodo di rivoluzione si accorcia di circa 131 millisecondi all’anno, secondo uno studio pubblicato su Astrophysical Journal Letters.

«A questo ritmo, il pianeta si scontrerà con la sua stella in meno di tre milioni di anni.Analisi di Shreyas Vissapragada, Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics, autore principale dello studio. “Questa è la prima volta che è stata osservata una prova diretta di un pianeta con un percorso a spirale attorno alla sua stella che invecchiaspiega l’astrofisico ad AFP. La stella in questione è in una fase avanzata del suo ciclo, quando comincia a gonfiarsi e diventare sempre più luminosa.

L’orbita di Kepler-1658b sta inesorabilmente diminuendo sotto l’influenza della gravità esercitata dalla stella, simile alla gravità esercitata dalla Luna su vari punti della Terra. Questo effetto, chiamato forza di marea, può attrarre due oggetti così come può allontanarli l’uno dall’altro: la Luna, ad esempio, si sta allontanando molto lentamente dalla Terra in una spirale.

READ  Covid : le variant XD serait aussi contagieux qu'Omicron et virulento come le Delta

L’ultimo addio della Terra?

Il nostro pianeta sperimenterà lo stesso processo di disintegrazione? “La morte di un pianeta a causa di una stella è un destino che attende molti mondi e potrebbe essere l’ultimo addio alla Terra tra miliardi di anni, mentre il nostro Sole si evolve.scrive il Center for Astrophysics in un comunicato stampa.

Tra circa 5 miliardi di anni, il sole diventeràgigante rossoChe diventerà sempre più grande, simile alla stella ospite di Kepler-1658b. Come un pianeta extrasolare, la Terra può inesorabilmente avvicinarsi al Sole sotto l’influenza delle forze di marea. Ma questo effetto può essere controbilanciato anche dalla perdita di massa del Sole, precisa Shreyas Visapragadhan, sottolineando che “Il destino finale della Terra rimane poco chiaro».

Kepler-1658b è stato il primo esopianeta ad essere individuato con il telescopio spaziale Kepler, nel 2009. Per 13 anni, gli scienziati hanno osservato il lento ma costante cambiamento nell’orbita del pianeta mentre passa davanti alla sua stella ospite. Trovandolo sorprendentemente luminoso rispetto ad altri esopianeti, hanno a lungo ipotizzato che rifletta particolarmente la luce delle stelle. Ora credono che Kepler-1658b sia più caldo del previsto a causa della gravità della stella.