Febbraio 5, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

A chi diciamo grazie? François regala a tutti i suoi dipendenti a Natale… un’auto elettrica di fascia media, “non c’è trappola, sono felice di accontentarli” (Foto)

Anche nelle grandi società quotate in borsa, i dipendenti non ricevono questo tipo di regalo, scrive Paris Normandie. François, fondatore di Femaag Packing, che produce macchine per l’imballaggio dal 2010, ha consegnato a tutti i suoi dipendenti le chiavi dell’auto il 17 dicembre 2022. Niente giochi, niente scherzi, questo business manager ha deciso di offrire a ogni dipendente un’auto elettrica , una dozzina di Peugeot e-208 di fascia media.


di video

“Quando ho comunicato loro la notizia, alcuni membri dello staff si stavano ancora chiedendo dove fosse il trucco! Ma non c’è nessun trucco! Mi sento come se stessi facendo qualcosa di buono e sono felice di renderli felici”, spiega durante un microfono. Dolce F.M.

“Sono sei anni che guido un’auto elettrica di un noto marchio americano. Da quattro o cinque anni cerco di trovare un modo per incoraggiare il mio team a guidare in modo più pulito. L’idea di dare a tutti ha preso fuoco un’auto pagata dall’azienda. Un’auto per lavorare, alcuni cinque chilometri e altri cinquanta. .ma anche per uso personale. A patto che la utilizzino il più possibile”, spiega.

considerazioni

E se ti stai chiedendo perché i dipendenti non rivendono i loro regali … È importante notare che se i dipendenti possiedono queste auto come meglio credono – per un contributo di 30 euro al mese per l’installazione di stazioni elettriche nell’azienda parcheggio per spese di manutenzione e assicurazione auto – in caso di partenza L’auto resta in azienda.

Inoltre, “gli aumenti salariali generali sono congelati per alcuni anni”, spiega il presidente, che assicura che i dipendenti trovino queste contropartite “normali”.

READ  Il medico trova un poster di una campagna di vaccinazione forzata risalente al 1905: "Il tono non era quello di oggi"