Cava de' Tirreni eventi EVIDENZA

A Cava de’ Tirreni il Covid non ferma il Natale

Via alla gara d’appalto per le luminarie. In forse il grande albero di Natale

Cava de’ Tirreni. A quanto pare è intenzione dell’Amministrazione Comunale preservare un minimo di aria di festività nonostante l’emergenza sanitaria rischi di compromettere seriamente uno dei periodi dell’anno più attesi.

È quanto si evince dall’avviso esplorativo pubblicato nei giorni scorsi sull’albo pretorio del Comune e relativo alla manifestazione di interesse per l’affidamento del servizio di allestimento natalizio degli archi luminosi, dei cestini pensili e delle luminarie su Palazzo di Città.

Insomma il Comune non vuole rinunciare a una parvenza di Natale, per quanto sarà possibile in ottemperanza delle future disposizioni in materia di contenimento del contagio epidemiologico da Covid 19 e così ha dato il via alla gara d’appalto per affidare il servizio di installazione delle consuete luminarie che, tra dicembre e gennaio, si vedono di solito abbellire il borgo porticato e la facciata di Palazzo di Città.

Come previsto dall’avviso esplorativo, l’affidatario dell’incarico dovrà installare archi luminosi lungo i portici di Corso Umberto I e luminarie a catenaria, già in possesso del Comune, nei cestini pensili lungo tutto il corso porticato tramite realizzazione di una linea elettrica di alimentazione principale completa di trasformatori a servizio dell’impianto degli archi e dei cestini, allaccio elettrico e relative protezioni.

La ditta, inoltre, dovrà provvedere all’arredo luminoso del prospetto principale del Palazzo di Città mediante la disposizione di archi che delineeranno le tre arcate e i profili delle sei finestre e l’addobbo di tre alberi di Natale da collocare nei tre balconi.

L’importo complessivo posto a base di gara sarà di circa 7.000 euro e l’allestimento dovrà essere previsto dal 1 dicembre 2020 al 25 gennaio 2021.

Ancora nessuna disposizione, invece, in merito all’installazione del grande albero di Natale in piazza Vittorio Emanuele III.

Considerato il clima è molto probabile che, su quest’aspetto, l’Amministrazione stia valutando di non prevedere l’installazione del consueto albero evitando, tra l’altro, che – come ogni anno – vandali e incivili lo danneggino provando a scalare la struttura luminosa.

Cosa che si è ripetuta, puntualmente, negli ultimi tre anni costringendo l’Amministrazione a prevedere ogni volta somme aggiuntive per provvedere alla riparazione straordinaria della struttura.

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi