Cultura e Spettacolo Salerno

28 concerti serali e 40 conferenze. Grandi numeri per il finale 2018 di Falaut

Si conclude l’edizione 2018 del Campus Musicale Internazionale di Salerno “Falaut” (la quinta all’Unisa, l’ottava considerando tutte le precedenti edizioni). La manifestazione è organizzata dall’Associazione Flautisti Italiani all’interno dell’Università degli Studi di Salerno. Per dieci giorni (1-10 agosto), le aule dell’Ateneo sono diventate laboratorio e luogo di ritrovo delle eccellenze musicali internazionali.

400 giovani partecipanti da tutto il mondo, 67 tra docenti e concertisti, 28 concerti serali, 40 tra conferenze, seminari e masterclass. Diversi i paesi presenti, tra cui Corea del Sud, Giappone, Cina, Turchia, Russia, Croazia, Polonia, Slovenia, Montenegro, Germania, Svizzera, Olanda, Belgio, Inghilterra, Israele, Francia, Nuova Zelanda. L’evento ha avuto il patrocinio dell’Università degli Studi di Salerno, nella persona del magnifico rettore Aurelio Tommasetti, dell’Adisu di Salerno (residenze universitarie), della BCC Monte Pruno e del CIDIM (Comitato Nazionale Italiano Musica). Il Campus ha raggiunto il suo culmine durante il concerto finale di giovedì sera, quando il M° Jean-Claude Gérard ha annunciato, al pubblico che ha riempito il Teatro d’Ateneo, di aver donato la sua biblioteca personale (più di 3mila volumi) ai giovani del Falaut Campus.

La biblioteca e il fondo Gérard.

Punto fondamentale della fase finale del Campus è stato il dono che Jean-Claude Gérard ha voluto fare alla manifestazione e all’Associazione Flautisti Italiani. Tutta la sua biblioteca, composta da oltre 3 mila pezzi, verrà messa a disposizione dei giovani talenti italiani e non solo.

“Gérard è uno dei più grandi musicisti a cavallo tra Novecento e inizio del nuovo millennio – spiega Lombardi – Questo regalo è un forte segno di riconoscenza alla bontà del progetto e allo spirito del Falaut Campus. Una biblioteca enorme, con migliaia di titoli, partiture, volumi storici sulla musica. Il materiale troverà la sua nuova casa a Baronissi, nella sede ufficiale dell’Associazione Flautisti Italiani. Jean-Claude viene dalla grande scuola francese e il fatto che consegni questo suo patrimonio nelle mani degli italiani è motivo di vanto per noi e per l’intero circuito flautistico. Realizzeremo uno spazio, il “Fondo Gérard”, e digitalizzeremo tutto su una piattaforma speciale”.

Falaut Campus.

È un “Campus Estivo”, dedicato alla musica. Un insieme di docenti e studenti, concertisti, solisti, professori d’orchestra che trasformano l’Università in una vera e propria “città della musica mondiale”. Falaut Campus è un progetto dell’Associazione Flautisti italiani. Molti i nomi di Maestri di fama internazionale, tra cui: Jean-Claude Gérard, Davide Formisano, Matteo Evangelisti, Francesco Loi, Andrea Oliva, Kazutaka Shimizu, Naoko Tanda, Barthold Kuijken.

Vuoi ricevere gli aggiornamenti gratuiti da laRedazione.eu ?

E' facile, semplice e gratuito. Cosa aspetti? Unisciti agli altri lettori

laRed TV


ONAIR DALLE 12 ALLE 22

invia le tue segnalazioni al:

G+

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi