Dicembre 6, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

21.000 posti vacanti: quali sono i posti di lavoro vacanti?

Bart Stockers, presidente di Agoria, consorzio di aziende tech, questa mattina è stato ospite di Antonio Solimando su Bel RTL.

Non ci sono stati molti posti vacanti nel settore tecnico commerciale e la carenza di manodopera è di 21.000. Questo è il numero di offerte di lavoro vacanti in Belgio, “un numero piuttosto alto”, secondo il capo di Agoria.

Se trovi tutte queste situazioni titolari, la disoccupazione a Bruxelles potrebbe diminuire di un terzo.

“Ci sono due ragioni per cui esiste questa carenza: una ragione positiva, nel senso che operiamo in un settore che crea molti posti di lavoro. Nel nostro studio di qualche anno fa sul mercato del lavoro, dicevamo sempre che la tecnologia non distrugge i posti di lavoro. solo perché per ogni lavoro che scompare si possono creare 3 nuovi posti di lavoro, questo quello che si sta facendo in questo momentoSpiega Bart Stockers.

Quali profili stai cercando?

“Ci sono così tante opzioni. Ci sono lavori nel digitale, nella sicurezza informatica e nei dati, ma anche lavori nell’industria manifatturiera: operatori di macchine, meccanici elettronici, lavori commerciali. C’è qualcosa per tutto il mondo. Ma devi anche trovare persone , qualificati o non qualificati”. Quanto agli idonei, non ci sono abbastanza giovani, soprattutto donne, che stanno uscendo dalla formazione STEM (Scienza, tecnologia, ingegneria e matematica, NDLR). Ecco perché incoraggiamo così spesso questi corsi di formazione perché sono i più adatti per trovare persone qualificate nel nostro settore”.

Come spieghiamo che ci sono pochissimi candidati? Questi lavori non sono pagati?

“Questi lavori sono pagati bene. Il nostro settore sta pagando molto bene. Direi che perché si creano questi posti di lavoro: trasformazione digitale, trasformazione verde… è nel nostro settore che si crea, si fa. E quindi serve molto di talento, e anche Il talento che deve essere formato sul lavoro. Ecco perché il dibattito sulla formazione continua è così importante”.