Maggio 23, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

200 famiglie belghe adottano uno strano organismo unicellulare che non rassicura molto

per capirlo meglio. Andiamo allo Sparkoh, il parco avventura della scienza vicino a Mons. Natalie Clause è una biologa lì. Qualche settimana fa, Audrey Dustur le ha inviato dozzine di piccole macchie assonnate. Da allora, non ha smesso di dar loro da mangiare farina d’avena per raddoppiarli. Lei ci dice: “Mi sento responsabile di una famiglia numerosa e molto vorace. In una capsula di Petri, ci viene mostrata una massa gialla appiccicosa che ricopriva la farina d’avena entro 24 ore. Quindi mostraci un altro piatto pieno per metà di punti e l’altra metà piena di farina d’avena: “Domani mattina, il punto avrà mangiato tutta la farina d’avena e raddoppierà di dimensioni.”

In poche settimane, Natalie aveva più di cento volte le dimensioni dei suoi blob. Li ho tagliati a pezzetti e poi li ho asciugati perché era ora di scolarli.

Questi punti saranno distribuiti a circa 200 famiglie belghe che partecipano a un progetto di scienza partecipata dal titolo: “Oltre il punto, la ricerca”. Dovranno condurre esperimenti seguendo protocolli scientifici molto severi.

I numerosi risultati raccolti permetteranno a una biologa francese, Audrey Dustoeur, di studiare sul punto l’impatto del cambiamento climatico.

Ogni famiglia riceve un servizio contenente venti capsule di Petri, un pacchetto di agar-agar, due termometri, una lampada riscaldante e i preziosi punti secchi e dormienti che devono essere risvegliati dall’immersione in acqua.

Frédérique Robbe e sua figlia di 12 anni Margot sono le prime a indossare i loro kit da Sparkoh. Margo è super entusiasta anche se non è uno degli animali domestici su cui mettere le mani:È incredibile vedere un alveare crescere sempre di più e può raggiungere i 10 metri quadrati. E poi, il punto non ha cervello ma è molto intelligente. “

READ  Odori di foschia organica di Plutone