Luglio 15, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

113 anni di prigione ed evasione a 86 anni: l’incredibile storia del truffatore che vendette il Taj Mahal

Mithilesh, popolarmente noto come Natwarlal, è diventato una leggenda in India dopo aver avuto un’impressionante “carriera” nel campo della frode. In particolare, questo gli ha permesso di “vendere” per tre volte la principale attrazione turistica del Paese, il famoso mausoleo secolare e il gioiello dell’architettura Moghul: il Taj Mahal.

leggenda

“Natwarlal può essere definita una leggenda”“, afferma la scrittrice Elizabeth Dutton nel podcast Un crimine ridicolo Da iHeartRadio dedicato a Natwarlal. Al culmine della sua “carriera”, questo truffatore e truffatore è riuscito a spacciarsi per un funzionario governativo per vendere cimeli storici indiani a ricchi stranieri. Il Taj Mahal avrebbe potuto essere venduto quasi tre volte. Anche il Forte Rosso di Delhi, simbolo dell’indipendenza dell’India, è stato venduto due volte, così come lo stesso Palazzo Presidenziale. Si dice anche che Natwarlal abbia svenduto il Parlamento indiano, vendendo anche i servizi dei parlamentari!

Il truffatore più famoso dell'India è riuscito a vendere diversi monumenti pubblici indiani, tra cui il famoso Taj Mahal.
Il famoso Taj Mahal fu falsamente venduto a tre persone benestanti. © Copyright (c) 2021 AlexAnton/Shutterstock. Nessun utilizzo senza autorizzazione.
Red Fort, un monumento storico indiano elencato come patrimonio dell'umanità.  È il luogo in cui il Primo Ministro indiano si rivolge alla nazione ogni 15 agosto (l'India ottenne l'indipendenza il 15 agosto 1947).
Il Forte Rosso è un monumento storico indiano classificato come patrimonio dell’umanità. È il luogo in cui il Primo Ministro indiano si rivolge alla nazione ogni 15 agosto (l’India ottenne l’indipendenza il 15 agosto 1947). © Copyright (c) 2020 neeraj_guptaa/Shutterstock. Nessun utilizzo senza autorizzazione.

Le malefatte di Natwarlal, il cui vero nome è Mithilesh Kumar Srivastava, sono molto popolari in India. Tanto che è stato concepito come soggetto di diversi film.

Ma la sua vita suscita ancora oggi qualche dibattito. Alcuni sostengono che Mithilesh abbia inventato le storie per gonfiare la sua “carriera” come un impostore, mentre altri ne difendono la veridicità. Per distinguere il vero dal falso, dobbiamo basarci sulle frodi per le quali Mithilesh è stato effettivamente condannato (o stava per essere condannato).

La sua prima truffa

La prima truffa di Mithilesh risale alla sua prima adolescenza. Lo stabilì nel suo villaggio natale, Bhangra. All’inizio del secolo scorso, il giovane Mithilesh era considerato un adolescente ben educato e molto allegro. Gli piace giocare a scacchi e a calcio… ma non è molto diligente a scuola. Figlio di un ricco proprietario terriero, e maggiore dei suoi fratelli, suo padre lo spinse fin da giovane a iniziare a studiare ed eccellere. Suo padre è severo, quasi intimidatorio.

READ  Tensioni in Kosovo: la Nato invia forze aggiuntive dopo violenti scontri

Mago o ciarlatano? Quando le azioni del Rainmaker provocano una delle più grandi inondazioni nella storia della California

Un giorno, un vicino del quartiere di Mithilesh gli chiese un favore. A un giovane adolescente di “buona famiglia” viene chiesto di depositare in banca degli assegni per quest’ultima. “Guarda gli assegni e scopre la firma del vicino e dice a se stesso: Ma l’imitazione è molto facile.“, un romanzo di Elizabeth Dutton.”Imita la firma e presto si unisce al gioco, cominciando a prelevare denaro dal suo conto corrente per uso personale. Il vicino viene ingannato e Mithilesh riesce a ritirare per suo conto più di 1.000 rupie (equivalenti a 11,05 euro in termini attuali, inflazione esclusa). Moltissimo in quel momento.

L’insegnante malvagio

La sua prima truffa costringe Mithilesh a lasciare la sua città natale. Minacciato di persecuzione dal vicino quando quest’ultimo scopre le sue malefatte, il ragazzo va a vivere a Calcutta. Lì iniziò i suoi studi di giurisprudenza e conobbe un ricco uomo d’affari locale. Mithilesh, con l’aiuto di false raccomandazioni di genitori soddisfatti, riesce a fargli credere di essere un ottimo insegnante. Un ricco uomo d’affari lo assume. Ma quando Mithilesh gli chiede di comprare dei libri di matematica per i suoi figli, il padre rifiuta. Mithilesh si sente insultato, si dimette e giura vendetta.

Se riuscisse a farlo assumere come insegnante inesperto, Mithilesh crede che potrebbe anche diventare il preside della scuola per bambini del suo ex capo. Con l’aiuto di bellissimi discorsi, false raccomandazioni e ovviamente un diploma falso, è riuscito effettivamente a ottenere questo lavoro. Questa nuova situazione spaventa il suo ex capo, che finalmente lo prega di tornare al suo vecchio lavoro di insegnante, con un aumento. Mithilesh è d’accordo, dicendo: “MMa questa era solo la prima parte del suo ingegnoso piano”.“, specifica Elizabeth Dutton.

READ  La tua auto potrebbe avere una funzione frigorifero a tua insaputa

In quest’anno, 1937, il giovane sui vent’anni divenne di nuovo insegnante. Convince il suo datore di lavoro e riesce a convincerlo a fare affari con uno dei suoi cugini. L’idea è quella di comprare vestiti da questo cugino (che in realtà non esiste) per 450.000 rupie (circa 5.000 euro oggi, inflazione esclusa) al mercato nero. In questo momento, l’India è al culmine Carestia del Bengala Dal 1943 la regione è colpita da una grave carenza di vestiario. Quindi si possono ricavare molti soldi da questa proposta. Quindi il ricco uomo d’affari e imprenditore accetta l’offerta di Mithilesh a una condizione: uno dei suoi soci, il suo agente, accompagnerà Mithilesh nell’intera trattativa e sarà responsabile di trattenere il denaro.

peccato

Durante il viaggio, Mithilesh ha detto all’agente quanto fossero crudeli le forze di polizia di Bombay e non avrebbe esitato a mandare gli stranieri sei piedi sotto terra che osavano stare ai loro confini.

Quindi Mithilesh viene inviato a Bombay con questo agente, che si prende cura di Rs 450.000 in contanti. “Durante il viaggio, Mithilesh ha detto all’ufficiale quanto fossero crudeli le forze di polizia di Bombay e non avrebbe esitato a mandare gli stranieri sei piedi sotto terra che osavano stare ai loro confini.“, dice India Today. Queste elaborate proposte di vendita spaventano l’agente, che dà tutti i soldi a Mithilesh affinché possa chiudere lui stesso l’affare. Ma quest’ultimo, con 450.000 rupie in tasca, non si reca al punto d’incontro, che chiaramente non esisteva affatto.

Parte per il villaggio natale e dona 100.000 rupie al padre, assicurandogli che è diventato un importante azionista di una grande azienda. Il suo villaggio lo considera un “Robin Hood”, poiché dona gentilmente e spesso una parte del suo bottino ai residenti.

READ  Live - Guerra in Ucraina: "La Russia vuole cancellare l'Ucraina dalla mappa del mondo"

“Carbon Scam”, una gigantesca e sanguinosa frode costata alla Francia 1,6 miliardi di euro

Quasi 80 anni di frode

Dopo questo duro colpo, Mithilesh trascorse un po’ di tempo dietro le sbarre. Quindi realizza una serie di frodi utilizzando decine di identità false per frodare istituti finanziari e famiglie benestanti del suo paese. Tra i suoi crimini accertati, ha rubato circa 9 tonnellate di ferro e ha defraudato centinaia di commercianti, gioiellieri, banchieri e stranieri, utilizzando più di cinquanta travestimenti e personaggi diversi. Nel corso della sua vita da truffatore, ha ricevuto diverse condanne al carcere, ma spesso è riuscito a scappare e non ha mai interrotto le sue attività illegali. In totale, durante la sua vita è stato condannato a 113 anni di prigione, ma ne ha scontati solo 20.

Mithilesh è stato arrestato l’ultima volta nel 1996 all’età di 84 anni. Nonostante la sua vecchiaia e l’uso di una sedia a rotelle, è riuscito a fuggire nuovamente dal carcere. Ha anche detto di aver simulato la sua morte. Il fratello di Mithilesh afferma di aver cremato il suo corpo nel 1996, l’anno in cui quest’ultimo è fuggito.

Tuttavia, nel 2009, il suo avvocato ha chiesto il ritiro di oltre un centinaio di accuse pendenti contro di lui, sostenendo che Mithilesh era morto… il 25 luglio 2009. Due date che non coincidono.

Pertanto, il mistero circonda la data esatta della sua morte, così come la validità di tutte le sue cattive azioni. Ma Mithilesh rimane una leggenda essenziale in India.