Attualità Campania

Pelato o passato, checché se ne dica, il pomodoro italiano resta il migliore

Germania primo mercato UE davanti a Regno Unito e Francia. Il prodotto preferito resta il pelato, la scelta ricade sulla qualità

Con un fatturato export di circa 1,6 miliardi di euro, l’industria del pomodoro e dei suoi derivati si conferma, anche nel 2016, il punto di forza dell’agroalimentare italiano.

ANICAV rileva che, con il 60% della produzione destinata ai mercati esteri (in testa la Germania e a seguire Regno Unito, Francia, USA e Giappone) e solo poco più di 2 milioni di tonnellate riservate al mercato interno (40%), il pomodoro è ambasciatore dell’eccellenza del made in Italy nel mondo.

Nel dettaglio, confrontando i dati 2016 con quelli 2015, la Germania si conferma il primo paese di destinazione delle esportazioni di derivati del pomodoro, con circa 400 mila tonnellate e una quota del 20%, per un valore di oltre 285 miliardi di euro. A seguire Regno Unito (15%), Francia (7,3%) e Stati Uniti (6%).

“I mercati esteri rappresentano un’importante area di crescita per il nostro comparto, a testimonianza del fatto che, anche in periodi di crisi, i consumatori scelgono la qualità – dichiara il Presidente di ANICAV Antonio Ferraioli – In un settore export oriented come il nostro, le esportazioni riescono ancora a bilanciare la stagnazione dei consumi interni.”

Il prodotto più amato all’estero continua ad essere il pelato intero e non intero, con quasi 1,3 milioni di tonnellate (+5,3%) pur facendo registrare una riduzione in valore del 2,4% rispetto ai 12 mesi precedenti.  Sul fronte dei nuovi mercati, nel 2016 si registrano ottimi risultati per l’export di pomodori pelati soprattutto verso l’Asia (+5,85%).

Un discorso a parte merita l’Australia, paese verso il quale le nostre esportazioni hanno fatto registrare un calo del 5% in volume e di oltre il 9% in valore a causa delle politiche protezionistiche messe in campo dal Governo australiano a danno delle nostre imprese.

 Tra i derivati, la passata, anche per il 2016, continua a crescere in volume (+5,5%) pur mantenendo stabile il valore.

“E’ determinante per le nostre imprese presidiare e cercare di ampliare la presenza nei mercati esteri puntando su una forte azione di comunicazione e valorizzazione delle produzioni di qualità. afferma il Direttore di ANICAV, Giovanni De Angelis -Oggi più che mai è necessario spingere sulla promozione di quegli elementi che sono alla base delle nostre eccellenze: qualità, tradizione, genuinità, forte legame tra prodotto e territorio, in una parola tipicità. Ciò senza tralasciare la necessità di contrastare, sui mercati internazionali, il fenomeno dell’Italian sounding che danneggia i nostri prodotti e ci sottrae risorse economiche.”

Scopri l'Autore

Antonio Ioele

Antonio Ioele

10 anni, tra Italia ed estero, tra radio, tv, carta stampata e web. Penso che il 4 luglio non debba essere più solo la data della mia maturità scientifica, ma anche di quella professionale. Benvenuto su laRed

Add Comment

Cosa aspetti? Dicci la tua!

Rispondi

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi